I.W.G. on Thalassemia, intervista al prof. Maggio: è ora di riclassificare le sindromi talassemiche?

I.W.G. on Thalassemia, intervista al prof. Maggio: è ora di riclassificare le sindromi talassemiche?

Talassemia major, minor e intermedia: è ora di cambiare?
Come ripensare la Talassemia per migliorare l’approccio terapeutico al paziente
Dopo la prima edizione dell‘International Working Group on Thalassemia, svoltosi lo scorso 15 e 16 settembre all’Ospedale “Cervello” di Palermo, abbia ascoltato il prof. Aurelio Maggio referente scientifico dell’evento. Ecco cosa ci ha risposto.

Il prof. Aurelio Maggio durante il meeting
Come è andato l’I.W.G. on Thalassemia? Con quale obiettivo futuro vi siete lasciati?

L’I.W.G. a Palermo ha visto la partecipazione di 35 esperti internazionali di talassemia ed emoglobinopatie provenienti da tutto il mondo. L’argomento di discussione era se oggi è il momento di rivedere la[…]

Cena di Gala: i farmacisti e le farmacie di Palermo per la Talassemia

Cena di Gala: i farmacisti e le farmacie di Palermo per la Talassemia

Torna anche quest’anno l’evento organizzato da Utifarma – Federfarma e dall’Ordine dei Farmacisti di Palermo in favore dei nostri progetti di vita.

La serata di gala avrà luogo al Palace Hotel di Mondello (PA) giorno 14 dicembre 2017 alle ore 20:30 e i proventi saranno devoluti all’Associazione Piera Cutino per sostenere la ricerca e migliorare la qualità della vita dei tanti pazienti talassemici assistiti al Campus di Ematologia “Franco e Piera Cutino” dell’Ospedale Cervello di Palermo.
Lo scorso anno i fondi devoluti hanno sostenuto la BioBanca “Annamaria Ferrara Cutino”: quest’anno, invece, FederFarma ha scelto di finanziare ad un biologo uno stage di un anno presso il Laboratorio[…]

Il dono di Natale per la Ricerca

Il dono di Natale per la Ricerca

La nostra campagna di raccolta fondi per questo Natale è iniziata!

Per il 2017 l’obiettivo è continuare a sostenere il Campus di Ematologia “Cutino”, che è Centro di riferimento nazionale per i pazienti talassemici, ma anche contribuire a sostenere la ricerca scientifica. Solo la ricerca, infatti, può fornire una concreta speranza di guarigione per tanti pazienti che attendono da tanto troppo tempo. Nonostante la qualità della vita dei pazienti sia nettamente migliorata rispetto a 10-15 anni fa, è comunque una situazione di grande disagio, fisico e psicologico, fatta di continue trasfusioni di sangue e terapie per togliere il ferro in eccesso[…]