Aiga&Duende per i piccoli della Piera Cutino: il cabaret solidale!

Aiga&Duende per i piccoli della Piera Cutino: il cabaret solidale!

 

Torna anche quest’anno l’appuntamento teatrale in favore dei piccoli pazienti seguiti al Campus di Ematologia “Franco e Piera Cutino”: il cabaret e la solidarietà insieme sullo stesso palco.

Lo spettacolo, organizzato da Aiga & Duende Spettacoli, vedrà la partecipazione del Mago Plip e di Francesco Rizzuto che intratterranno i partecipanti con la loro comicità: assolutamente da non perdere!
Quando: il 7 aprile 2019 alle 17:30

Dove: presso il Teatro Don Bosco Ranchibile, Via Libertà 199 – Palermo.

Partecipa anche tu, richiedi il tuo invito contattando il 334.3500255 (anche whatsapp)
Per visitare la pagina dell’evento su Facebook, clicca qui.

Ringraziamo, di cuore, gli organizzatori, i cabarettisti e[…]

"Promuoviamo la Ricerca": la pasqua solidale dell'Associazione Piera Cutino!

“Promuoviamo la Ricerca”: la pasqua solidale dell’Associazione Piera Cutino!

“Quando parlo di Piera faccio fatica a parlarne al passato: ‘mia sorella era…’
Perché lei c’è. Esite. È cresciuta. Quella ragazzina di 23 anni è diventata grande e vive ancora nell’Associazione Piera Cutino”

Con queste parole – rilasciate in una recente intervista – Giuseppe Cutino, fratello di Piera, testimonia il suo amore per Piera e per l’Associazione che porta il suo nome. L’obiettivo dell’Associazione Piera Cutino è continuare a far vivere Piera. Come? In un modo semplice: assistere sempre più pazienti con Talassemia e altre malattie rare con servizi dedicati.

È quello che l’Associazione ha fatto in questi anni con l’attivazione di borse[…]

Mamma, moglie e talassemica. Ma soprattutto una donna felice. - #IosonoTalassemico

Mamma, moglie e talassemica. Ma soprattutto una donna felice. – #IosonoTalassemico

Mi chiamo Maria, ho 33 anni e ho la talassemia mayor.

Sono la prima di tre figli. Mio fratello, 31 anni, come me è talassemico, mentre mia sorella, 17 anni, è completamente sana. I miei genitori – mia mamma della Campania e babbo della Basilicata – sono entrambi portatori sani di Talassemia, ma ne erano ignari quando siamo nati io e mio fratello. Così, quando sono arrivata io non sapevano che fossi ammalata. Lo hanno scoperto quando nacque mio fratello. Mio nonno mi portò in ospedale a conoscerlo, lì un medico ci fermo e gli disse di farmi fare dei controlli[…]